Memorie di Dachau: il diario di De Maria Manuele

De Maria Manuele

Immagine diario  Il viaggio a Monaco ha avuto come punto cruciale la visita al campo di Dachau. Questo è stato il
primo campo ad essere ideato e da questo tutti gli altri hanno preso esempio, nella struttura e
nell’organizzazione. Come per Ravensbruck,visitato lo scorso anno,è difficile immaginare il dolore
e la sofferenza provati da coloro che ci hanno vissuto, anche perché il campo è stato in parte
ricostruito; ma c’è un luogo che in ambedue i campi ci fa riflettere e immaginare: i forni
crematori, intatti e immutati nel tempo. Delle innumerevoli baracche ci sono rimaste solo le
fondamenta, ma le poche ricostruite danno un’impressione concreta e reale delle indecenti
condizioni di vita .Ciò che lascia stupiti però è l’indifferenza di chi viveva nei dintorni del campo
che diceva di non sapere niente. Il resto del viaggio abbiamo visitato la città di Monaco e il
grandioso museo della scienza e della tecnica.

Shortlink:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.