Siamo tutti Concordi: il Teatro è Cultura. Il teatro dei Concordi di Campiglia Marittima presenta la stagione teatrale 2013/14

Il Teatro dei Concordi di Campiglia Marittima presenta la

Stagione 2013/2014

 

Ascanio Celestini, Veronica Pivetti, Deborah Caprioglio, Ivana Monti sono solo alcuni dei grandi nomi che calcheranno le scene del Teatro Dei Concordi di Campiglia Marittima nell’ambito della stagione 2013-2014 realizzata, anche quest’anno, grazie alla felice collaborazione tra Comune di Campiglia Marittima, Fondazione Toscana Spettacolo e Teatro dell’Aglio.

Si parte mercoledì 11 dicembre con Discorsi alla Nazione di Ascanio Celestini, un monologo che affascina il pubblico per più di un’ora facendolo sbellicare dalle risate. Cosa direbbero i nostri candidati se potessero gettare via la maschera della democrazia, così da esporre i propri pensieri a cuore libero? È ciò che si è chiesto Celestini al momento di scrivere questo spettacolo che mixa umorismo e impegno civile.

Giovedì 9 gennaio, sarà la volta de Il convegno, per la regia di Emanuele Valenti. Ambientato nel sobborgo napoletano di Scampia, lo spettacolo, vincitore del premio Inbox, mescola esperienze quotidiane e vissuti reali. La compagnia dà voce alla propria terra e ne urla la violenza, i bisogni esasperati e un’amministrazione di farsa.

Domenica 19 gennaio, unico appuntamento pomeridiano della stagione (ore 17) con Il Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry, per la regia di Italo Dall’Orto. Uno spettacolo magico per adulti e bambini che, dopo più di quattrocento repliche, continua ad affascinare. Costumi accurati, musiche originali, coreografie e luci coinvolgeranno il pubblico fino ad immergerlo completamente in questa amniotica favola scritta da un adulto per “quegli adulti che un giorno furono ragazzi”.

Venerdì 7 febbraio, sarà Veronica Pivetti a far divertire il pubblico con Mortaccia – la vita è meravigliosa, una commedia capace di passare dalle risate alla commozione, esorcizzando una delle paure più profonde dell’animo umano. E forse, alla fine, la Morte risulterà pure simpatica.

Sabato 22 febbraio, spazio ad un classico di Bertolt Brecht con Santa Giovanna dei macelli. In un’epoca globalizzata dove fili invisibili manovrano le nostre vite per il piano di un invisibile gotha, questo spettacolo è una sfida a riflettere, un invito a pensare, “un’urgenza narrativa”, come sostiene il regista Gianfranco Pedullà.

Venerdì 7 marzo, Debora Caprioglio, Ivana Monti, Daniele Liotti e Rosario Coppolino saranno i protagonisti di Elephant man di Giancarlo Marinelli. Nella società dell’immagine, di veline e tronisti, dell’esplosione della chirurgia estetica, dell’apparire ad ogni costo, è di sconcertante attualità questo testo tratto dal racconto di Frederick Treves, reso noto al grande pubblico grazie al film di David Lynch.

Sabato 22 marzo, andrà in scena Testa di rame, spettacolo ambientato nella Livorno del 1945. Protagonisti, i palombari, eroi della porta accanto, il cui compito era recuperare relitti e munizioni dal fondo del mare per ricostruire il porto e cancellare i segni della guerra. I due monologhi di Gabriele Benucci e Andrea Gambuzza ci raccontano la profondità schietta di due persone vere che, dalla tempesta che tutto frantuma, riescono a salvare un rapporto d’amore viscerale, come un palombaro con il suo tesoro.

A chiudere la stagione, come sempre, la nuova produzione del Teatro dell’Aglio che quest’anno presenta On the Verge” o la geografia del desiderio per la regia di Renée M. LaTulippe. Venerdì 11 aprile, sabato 12 e domenica 13 gli attori della compagnia piombinese intraprenderanno un viaggio con la V maiuscola dove i colpi di scena incalzano: non saranno solo le vette dell’Himalaya o il continente africano a stupire le 3 protagoniste, ma un percorso nel tempo e nella storia, attraverso l’incontro di personaggi di diverse nazionalità e culture. Nel secolo della globalizzazione ci si può ancora stupire del contatto con il diverso? Che mondo ne può scaturire? Come abitarlo? Una pièce fantasiosa e ottimista per provare ad immaginarlo.

“Anche quest’anno – dichiara Sergio Cini, Presidente del Teatro dell’Aglio – grazie all’impegno dell’amministrazione comunale e di FTS, siamo riusciti a comporre una stagione ricca e variegata. Un risultato importante in un momento difficile come quello che stiamo attraversando. Il nostro obiettivo, infatti, è offrire agli spettatori un cartellone di qualità che questa volta, tra l’altro, si rivolge anche alle famiglie a cui è dedicato l’appuntamento domenicale pomeridiano con un classico della letteratura per ragazzi come Il Piccolo Principe”.

Il sindaco di Campiglia, Rossana Soffritti e l’assessore alla cultura Jacopo Bertocchi commentano così l’inizio della nuova stagione teatrale: “Il debutto con Ascanio Celestini dà il senso della qualità della programmazione di quest’anno, di nuovo il nostro teatro si conferma presidio culturale d’eccellenza. Una stagione caratterizzata da una grande attenzione verso l’attualità e i temi sociali, con riguardo e coinvolgimento delle compagnie locali e con la messa in scena di grandi classici. Un’occasione per riportare i teatri di provincia, i cosiddetti circuiti minori, all’altezza delle grandi organizzazioni nazionali che godono di altre potenzialità. Grazie al contributo del Teatro dell’Aglio e alla collaborazione fondamentale di FTS, la nostra stagione resiste con forza alla scure dei tagli e alla crisi culturale che ci sta attanagliando rimettendo al centro della sfida Campiglia come polo importante della tradizione di prosa, e non solo, del nostro territorio”.

Il teatro a Campiglia ha una grande tradizione – dichiara Beatrice Magnolfi, Presidente di FTS –; ecco perché il pubblico del Teatro dei Concordi, esigente e colto, ogni anno ci spinge a fare di più. La nuova stagione teatrale è per complessità e varietà, una sfida importante che la Fondazione Toscana Spettacolo, l’Amministrazione comunale e il Teatro dell’Aglio accettano con piacere. La perfetta collaborazione per la messa punto del cartellone è volta a garantire a questo territorio un’offerta culturale di grande qualità in cui sia gli affezionati frequentatori del Concordi sia il “nuovo” pubblico possono trovare spunti di interesse, di crescita e di discussione. Il pubblico di Campiglia merita un programma di alto livello, in cui si alternino proposte all’insegna della tradizione e nuovi linguaggi. Una stagione foriera di tanta buona cultura e non priva di divertimento”.

 

http://www.teatrodellaglio.org/Concordi/spettacoli/stagione/

 

La campagna abbonamenti parte il 4 novembre per le riconferme, mentre per i nuovi abbonati le prenotazioni si aprono l’11 novembre.

 

Prezzi abbonamenti a 6 spettacoli + 2 in omaggio:

Intero 1^ 100€

Ridotto 1^ e Intero 2^ 85€

Ridotto 2^ 75€

Riduzioni: anziani sopra i 65 anni e giovani fino a 25 anni, gruppi di almeno 20 persone. Riduzione studenti, anche universitari, fino a 26 anni. Per l’insegnante accompagnatore è prevista 1 gratuità ogni 6 studenti.

 

Per informazioni: segreteria Teatro dei Concordi tel 0565 837028, lun e ven 9.30-12.30, merc 16.30-19.30.

 

Ufficio stampa: Delia Demma,   – ufficiostampa@teatrodellaglio.org

Shortlink:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *